Viaggio e pensiero laterale per essere più reattivi, più creativi, più liberi

Riflessioni libere sul tema del viaggio e l’importanza di cambiare strada.

Oggi voglio parlare di viaggio e di cambiamento.
I viaggi sono la ricchezza della vita, aprono la mente e gli occhi a cose diverse da quelle a cui siamo abituati.

Anni fa (e lo ricordo ancora) lessi su una rivista scientifica che per fornire stimoli alla mente e sviluppare l’intelligenza e la capacità di affrontare sfide sempre diverse occorre imparare a “cambiare strada”. Si faceva riferimento al cambiare semplicemente il percorso con cui abitualmente rientriamo a casa dal lavoro, oppure andiamo a fare la spesa o magari a ricercare nuovi percorsi per raggiungere luoghi che già conosciamo. Ragionandoci, se questo semplice accorgimento ci aiuta a migliorarci, per estensione intraprendere un viaggio dovrebbe giovarci infinitamente di più.

Tecnicamente la parola “viaggio” corrisponde a “l’andare da un luogo ad un altro”, Normalmente quando programmiamo un viaggio si tratta sempre di partire da un luogo abituale che conosciamo verso uno a noi ignoto o poco meno. Ogni viaggio presuppone un programma (luoghi da visitare, in cui dormire o mangiare) e la ricerca delle migliori soluzioni per noi e per tutta la famiglia. Quante cose a cui pensare! Già solo questi stimoli sarebbero sufficienti ad attivare nuove sinapsi nel nostro cervello.

E quando poi raggiungiamo la meta traiamo spunti che ci portiamo a casa per aver visto cose nuove e belle, per aver conosciuto altre culture o semplicemente altri modi di vivere, altre persone. Tutto questo nel tempo influirà sulla nostra creatività e sul nostro senso di libertà. E’ libero l’uomo che ha qualcosa da dire e la prende dalla sua esperienza vissuta e da quello che ha visto, tradotto, percepito, imparato con i sensi attraverso tutti i viaggi della sua vita.

Ci sono tanti tipi di viaggio e magari non tutti sono alla portata di tutti. Ma ci sono cose nuove da vedere e viaggi nuovi da intraprendere ovunque noi siamo e qualsiasi sia il nostro budget. Basta scegliere di “cambiare strada” e probabilmente faremo in ogni caso una magnifica nuova scoperta.

E ci sono viaggi che si possono fare anche rimanendo nello stesso luogo…magari semplicemente applicando il “pensiero laterale” alla nostra quotidianità. Ci sono problemi che da un punto di vista logico sembrano avere una sola soluzione, o magari nessuna. Ma “cambiando strada” possiamo individuare un’alternativa insperata.

Buon viaggio a tutti!

Smile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace questo Blog? Allora parla di me in giro! :)