Conservare i ricordi con la fotografia

Oggi vi racconto una cosa. Potreste decidere di imitarmi se vi va. Conservare i propri ricordi è una bella cosa, ci sono momenti in cui riprendere ciò che si è fatto o vissuto potrebbe servire a ritrovarci oppure a raccontare ad altri noi stessi (magari ai nostri figli o nipoti).

Mi sono appassionata alla fotografia e ho di recente fatto un bel corso con il maestro Paolo Perillo (www.paoloperilloset.it). Possiedo una reflex entry level della Nikon che per adesso va più che bene per soddisfare le mie esigenze. La fotografia è un’arte e resto convinta che, come tutte le arti, non vada improvvisata. Essere fotografi è una cosa seria. E io non sono fotografa e non ne ho velleità. Sono una dilettante allo sbaraglio, non ho molto tempo per scattare foto (cosa fondamentale per imparare al meglio) e attribuisco anche a foto imperfette una grande importanza.  Le immagini impresse sulla pellicola digitale ricostruiscono la nostra vita, ciò che i nostri occhi hanno visto in attimi irripetibili.

Ho preso un’abitudine nuova, ve la racconto.  Non mi accontentavo di tenere il mio archivio fotografico esclusivamente in digitale e così ho iniziato a creare “almanacchi” annuali delle foto di famiglia a partire da quando è iniziata la mia vita con Paolo. Nel tempo di riposo della mia gravidanza, iniziato troppo presto (al quinto mese) con sommo dispiacere per una minaccia d’aborto, ho avuto la possibilità di elaborare l’album fotografico del 2017. Si tratta del fotolibro che racchiude tutti gli eventi del 2017, che sono stati davvero tanti! E ti accorgi di quante cose hai fatto proprio quando provi a ricostruire tutto in un unico lavoro. In precedenza avevo già fatto un album del viaggio di nozze e uno sul biennio 2015-2016, da adesso andrò sempre anno per anno e potrò raccontare i nostri momenti più belli. L’album del 2017 si è concluso con il “coming soon” del piccolo Riccardo con una foto della prima ecografia (all’epoca non era Capacchione ed era più piccolo di una nocciolina), ma nell’album 2018 lui ci sarà davvero!!!

Oggi abbiamo l’abitudine pazzesca, con i nostri smartphone, di fotografare qualsiasi momento della vita, immortalando incontri con persone, luoghi, cibo…se andiamo a rivedere tutto il nostro archivio scopriremo un patrimonio eleggibile ad album dei ricordi. E allora perché non provarci?

I miei album (ordinati tramite internet sfruttando gli sconti di Groupon, come suggeritomi da una compagna carinissima del corso di fotografia) non hanno nulla di spettacolare e non rinuncio ad inserire anche foto scattate con il cellulare. Quando volete un fotolibro davvero fantastico per un evento speciale o particolare rivolgetevi sempre ad un professionista (a meno che non abbiate abilità specifiche).

Poi c’è sempre un’alternativa, stampare o farsi stampare le proprie foto ed incollarle su un album tradizionale. Un lavoro che si può fare con i propri figli magari, oppure che i figli possono fare con i nonni.

Per il primo anniversario di nozze (6 maggio 2018) ho richiesto un regalo a mio marito davvero moooolto romantico. Ero titubante, corteggiavo da tempo una Polaroid, ma alla fine mi sono decisa per l’acquisto di una piccola stampante fotografica (Canon Selphy Cp 1300) con la quale potrò stampare qualche foto per amici e parenti, magari del piccoletto in arrivo. E’ una mini stampante portatile, che si interfaccia con pc, smartphone e tablet anche per stampare al volo foto durante una festa o un evento speciale.

Ah, io comunque ho ricambiato il dolce pensiero di mio marito con un piccolo drone con il quale si diverte a girare video in campagna “per controllare la situazione”. In più abbiamo investito in una cosa comune: una macchina per il caffè a capsule davvero comoda e carina (Macchina Lavazza a Modo Mio Jolie), con la quale non sporchiamo più la cucina e beviamo un ottimo caffè.

Adesso vi lascio, il conteggio parole ha superato 600, la vostra attenzione sarà già partita da un pezzo per un viaggio alle Maldive e il piccolo Riccardo sta schiacciando ancora la sua testa verso l’esterno del cocomero.

Smile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace questo Blog? Allora parla di me in giro! :)