Piastra per capelli addio!

Ho scoperto una spazzola rotante che asciuga i capelli mentre faccio la piega. E così niente più piastra per capelli. In questo post la mia esperienza.

Non mi piace andare dal parrucchiere. So di doverci andare per forza per il taglio, quando occorre, e per la maledetta tintura. Si perché, lo devo ammettere, anche se non ho ancora l’ombra di una ruga, i capelli bianchi si sono manifestati copiosi sulla mia zucca. Ora lo sapete, sto invecchiando.

Essendo quindi costretta a recarmi dal parrucchiere per la pratica di copertura della cima innevata e dovendo, per me stessa, curare un minimo l’immagine, ho deciso di lanciarmi in qualche esperimento.

Innanzitutto parto dall’assunto che il capello scomposto influenza notevolmente, a mio avviso, la complessiva immagine di noi e il nostro senso di benessere. Possiamo anche indossare un abito di Valentino, ma se i capelli assomigliano alla criniera di un leone o al mocio Vileda, meglio non farsi vedere troppo in giro.

Ho passato anni della mia vita ad asciugare i capelli con il phon senza troppo impegno (niente spazzola, per intenderci) per poi fare un’unica passata finale di piastra. Un metodo veloce con il quale ho sempre ottenuto buoni risultati nonostante il capello un po’ crespo, ma con questo metodo:

  1. la piega risulta sempre un po’ piatta e, chiaramente, imperfetta;
  2. la piastra nel tempo mi ha indebolito i capelli.

Ho deciso che dovevo almeno sperimentare una strada diversa. Sono approdata al mondo delle spazzole rotanti.

Qualche blogger spendacciona si sarebbe lanciata in cose tipo la Dyson Airwrap della quale potete trovare centinaia di video su YouTube e recensioni sul web. Per quanto costa se non funzionasse a dovere un prodotto del genere bisognerebbe denunciare l’azienda produttrice. Si perché, miei cari, la versione completa di questa pseudospazzola costa fino a settecento euro. E se la vuoi con la custodia di design puoi arrivare anche a sfiorare i 900 euro. I prezzi oscillano un po’ in base alle richieste del mercato (in alcuni periodi il prezzo arriva a cinquecento euro), ma se dovessi spendere certe cifre per avere un aggeggio per fare la piega ai capelli pretenderei che l’aggeggio in questione, quantomeno, facesse tutto da solo. Cosa che, ovviamente, così non è.

Non avendo nessuna intenzione di spendere cifre esorbitanti ho iniziato ad informarmi un po’ su un possibile prodotto alternativo di fascia media che avesse buone recensioni da parte degli utilizzatori. Dopo le mie indagini, direi piuttosto accurate, ho preso una decisione. Nel frattempo era arrivata la data del mio compleanno e ho colto l’occasione per farmi regalare l’aggeggio da mio fratello e mia sorella. Tempo due giorni e il pacchetto è arrivato dritto dritto a casa con confezione regalo e bigliettino di auguri annesso (egregio lavoro di Amazon).

Vengo al dunque. Cosa ho scelto?

Ho scelto la spazzola rotante Babyliss AS200E, che, nel momento in cui scrivo questo post, è in vendita su Amazon in Prime a 53,00 euro (i miei fratelli a marzo l’hanno pagata un pochino in più).

Nel mondo delle spazzole rotanti c’è davvero di tutto. Per orientarmi ho focalizzato l’analisi sui prodotti più venduti e con un buon numero di recensioni positive (su siti internet che spesso confrontano i prodotti fra loro, ma anche su Amazon stessa). Sono approdata alla Babyliss dopo aver visionato anche alcuni video di presentazione su YouTube. Ce ne sono diversi, anche se nessuno in lingua italiana. Tuttavia guardarli mi ha aiutata a farmi un’idea in merito a dimensioni e funzionamento del prodotto.

Ecco la spazzola-phon scomposta nei vari pezzi.

E’ un prodotto che davvero asciuga mentre piega, non è uno scherzo. Chiaramente il risultato dipende dalla nostra abilità nell’utilizzo della spazzola (che si acquisisce con il tempo), dal nostro tipo di capello e, chiaramente, dalle aspettative. Nel marketing si dice che quanto più le aspettative sono alte tanto maggiore è la delusione se il prodotto non corrisponde alle attese. Nel mio caso, devo ammettere, non c’è stato nessun ripensamento.

Ad ogni modo è sempre consigliabile utilizzare cosmetici che possano darci una mano: shampoo, balsamo e una crema o spray da applicare per la piega che possa anche nutrire il capello o preservarlo durante l’esposizione alle alte temperature di piastre e asciugacapelli.

Personalmente, nell’uso quotidiano, utilizzo lo shampoo e balsamo Pantene per capelli lisci (quello con etichetta di colore verde). Trovo che tra i prodotti più “commerciali”, in vendita anche nei supermercati, i prodotti Pantene siano tra i migliori. Poi ho acquistato dal mio parrucchiere un prodotto Redken davvero fantastico, si chiama “25 benefits One United”, in vendita anche su Amazon. E’ un prodotto che protegge ogni tipo di capello ed è adatto per ogni genere di piega. Si spruzza sul capello umido e poi si procede con l’asciugatura. Credo sia uno dei prodotti Redken più venduti e, direi, a ragion veduta.

Tornando alla spazzola Babyliss, vi dicevo che asciuga davvero bene mentre fa la piega. Nella mia analisi preliminare avevo valutato per questo scopo proprio la potenza del phon (1000W), per cui, sinceramente il potere di asciugatura lo avevo preventivato e me lo aspettavo.

Come avete potuto notare dalla foto il prodotto è composto da diversi pezzi:

  1. Il phon ad asciugatura ionica con tre temperature (calda, più calda e fredda per fissare la messa in piega a fine asciugatura);
  2. la bocchetta che si applica al phon per dirigere il getto d’aria durante l’asciugatura preliminare per togliere l’eccesso di acqua;
  3. le due spazzole di differenti dimensioni. Purtroppo il difetto è che la spazzola più piccola non è rotante e che per tagli troppo corti la spazzola più grande non è utilizzabile. Considerate però che per i miei capelli, al momento lunghi fino alla base del collo, la spazzola grande funziona benissimo. Ha due versi di rotazione per consentire ogni tipo di piega (con punte verso l’alto o vero il basso) da entrambi i lati;
  4. una bocchetta applicabile per stirare i capelli che ha un effetto simile a quello della piastra.

Dopo ormai due mesi di test posso dire di essere molto soddisfatta di questa spazzola-phon. Nel complesso è anche abbastanza maneggevole ma bisogna fare attenzione a non far impigliare le ciocche agli estremi della spazzola per evitare il formarsi di nodi difficili da sciogliere.

Ecco un paio di foto per darvi un’idea delle dimensioni del prodotto.

Babyliss AS200E, prodotto consigliato.

Smile

Torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace questo Blog? Allora parla di me in giro! :)