Onomastico di Riccardo, è sempre festa!

Non mancano mai le occasioni per fare festa ed oggi ricorre il primo onomastico del nostro piccolo Riccardo, che fra una settimana compirà otto mesi.

Il tempo vola davvero e sembra non basti mai. Non basta il tempo per stare con il mio piccolino senza dover pensare che ci sono panni da lavare, altri da stirare, poi bisogna cucinare, fare le pulizie e poi c’è il lavoro, il mio blog e tutto il resto.

Il tempo non basta ma deve bastare. Non voglio voltarmi indietro tra qualche anno e pentirmi di essermi persa qualcosa, qualche suo piccolo progresso, qualche sorriso, qualche nuova smorfia, qualche strillo e qualche parolina.

La torta alla zucca

Oggi è il suo onomastico e ieri mi sono organizzata per fare un dolcino in suo onore. La torta alla zucca, eccola:

torta alla zucca

La pasta chiaramente è arancione ed è una torta davvero gustosa e semplice da fare. Vi scrivo al volo la ricetta.

Munitevi di 300 grammi di zucca, tagliatela a pezzetti e inseritela in forno (180° per 25 minuti circa) avvolta in carta da forno. Utilizzate la stessa teglia che userete per infornare la torta (meno cose sporchiamo e meglio è); la carta da forno vi aiuterà a mantenere la zucca morbida e a non farla abbrustolire. Quando si sarà ammorbidita macinatela fino ad ottenere una crema e fatela raffreddare. Poi aggiungete questi ingredienti e impastate per qualche minuto:

300 grammi di farina 00 (potete anche sostituire 50 grammi di farina con 50 grammi di fecola di patate per migliorare la friabilità),
220 grammi di zucchero di canna (oppure 210 di zucchero semolato),
250 grammi di yogurt bianco, meglio se magro (potete usare anche quello greco),
120 grammi di olio di semi di girasole,
1 bustina di lievito in polvere per dolci,
1 cucchiaino di cannella,
1 pizzico di sale,
zucchero a velo per decorare.

Infornate l’impasto ottenuto per circa 40 minuti a 180 gradi (ma è sempre consigliabile verificare la cottura superati i 30 minuti con la classica “prova dello stecchino”: infilate uno stecchino di legno o di acciaio nella torta, estraetelo e verificate se è asciutto o bagnato; se è asciutto allora sulla cottura già siete a buon punto).

Provate questa ricetta, vedrete che bontà! Potete anche aggiungere all’impasto delle scaglie di cioccolato fondente e ricoprire la torta con glassa al cioccolato. Ho provato anche questa versione e vi assicuro che è spettacolare. La teglia da usare per questa ricetta deve essere piccola (tonda da 22 cm di diametro).

I regali

Ora torniamo a noi. Per questo onomastico Riccardo ha già ricevuto molti regali: un completino estivo (pantaloncini e maglietta) da zio Vito e zia Daniela, un completino con maglietta, salopette di jeans, berrettino e smanicato dai miei genitori e un box supercolorato dai miei suoceri. Io e Paolo gli abbiamo comprato dei pesciolini per il bagnetto e una coppia di palline sensoriali.

I pesciolini li abbiamo presi facendo un giro ieri al Centro Commerciale Siniscalchi a Salerno. Il pupo si è divertito stando seduto nel seggiolino del carrello e ha più volte tentato di buttare giù qualcosa dagli scaffali. E’ in una fase di profondo studio. Deve toccare, rimaneggiare, osservare tutto. Ma soprattutto deve mettere in bocca ogni cosa. La bocca è l’alfa e l’omega. Il principio e la fine di ogni esperienza cognitiva e di ogni sfida.

Le palline sensoriali sono palline un po’ gommose, perfette anche per i dentini e comode da tenere in mano per un bambino piccolo perché sono facili da impugnare. All’interno del telaio “gommoso” c’è una pallina libera con dei sonaglini.

palline sensoriali

Quando Riccardo ha visto queste palline è impazzito, le ha agitate talmente tanto che ha iniziato a sudare tantissimo. Era euforico! Direi che l’acquisto è stato azzeccatissimo. Se siete interessati potete comprarle su Amazon. Sono prodotte in Cina e sono certificate con marchio CE e prodotte in materiali riciclabili.

Ora vi lascio, c’è una torta da mangiare e un piccolo uomo da festeggiare.

Smile

 

Torna alla home

 

2 Replies to “Onomastico di Riccardo, è sempre festa!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace questo Blog? Allora parla di me in giro! :)