Battezzo mio figlio

Qualche dettaglio sulla prima grande festa per mio figlio, quella del suo battesimo!

E’ già accaduto, il 23 settembre Riccardo è entrato a far parte della famiglia dei figli di Dio. E’ stata una bella giornata, all’insegna della gioia e abbiamo fatto una bellissima festa con i nostri cari.

E poi lui… il piccoletto…è stato strepitoso! Buonissimo per tutto il tempo. Nessun pianto, nessun lamento e non è scontato per un bimbo di appena un mese e mezzo. Poi con i suoi abitini era così carino!!!! Io e Paolo abbiamo scelto per lui due completini fighissimi: per la cerimonia un bellissimo completino bianco da marinaio in lino e per il taglio della torta un abbinato con pantaloncino, camicia e gilet. Davvero adorabile. Mio figlio è bono, tanto bono. Peccato che non possa darvi dimostrazione sul blog perché io e mio marito ci teniamo a tenere lontano il bimbo dal mondo del web, almeno per adesso. Comunque sappiate che nessuno gli resiste, quando apre quegli occhietti ed esclama il suo “Nghe!” nel tempo massimo di dieci secondi ti si scioglie il cuore.

Tornando al battesimo vi racconto qualche dettaglio. Io e mio marito anche questa volta abbiamo voluto scegliere un tema e anche questa volta non abbiamo abbandonato il mare…sì perché quando è nato il nostro tesoro abbiamo fatto dei confetti nascita dedicati al mare e alla barca a vela, una passione di mio marito che io ho amato condividere con lui sin dal principio della nostra storia.

Confetti nascita

Per il battesimo abbiamo scelto lo stesso tema, richiedendo alla Pasticceria Santoro di Montecorvino Rovella (www.pasticceriasantoro.it) una torta tradizionale a tema con gusto crema chantilly al limone e fragoline di bosco. Bellissima e squisita, ha riscosso un notevole successo tra gli invitati.

Per i confetti abbiamo scelto un semplice magnetino a forma di barca a vela applicato su una confezione in tulle tradizionale. La presentazione dei confetti l’abbiamo fatta fare all’interno di una cesta a forma di barca, molto molto grazioso il risultato!

Festa a parte vi dico però che la cosa più bella di tutte è stata vedere il nostro piccolo proclamato sull’altare come nuovo membro del popolo di Dio. Per noi era ed è una cosa importante, desiderata con convinzione e non per mero senso della tradizione. Il nostro bambino è frutto di un grande amore, prima di tutto l’amore di Dio. E’ da Dio che vengono i suoi occhi dolci e profondi, le sue manine e i suoi piedini e quel tenero faccino.

E’ stato tutto molto bello e commovente. E’ così che si vivono questi momenti, altrimenti non ne vale la pena. Verso il Signore non ci sono obblighi, ma solo la scelta libera e consapevole di ciascuno di noi.

Smile a tutti

Torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace questo Blog? Allora parla di me in giro! :)