“A scuola di salute” con l’Ospedale Bambino Gesù di Roma

In questo post vi descrivo l’impegno dell’Ospedale Bambino Gesù per la diffusione di giuste informazioni in tema di salute del bambino e della famiglia con un accenno ai rimedi per la tosse tratti dall’ultimo numero del magazine “A scuola di salute”.

Iniziano i primi mali di stagione, ci preoccupiamo di febbre, tosse e raffreddore, tiriamo fuori sciarpe, cappelli e, se potessimo, faremmo uscire i nostri bambini con un materasso addosso per evitare il freddo, ignorando, nella nostra spasmodica e insensata mania di protezione, che la cosa importante è mantenere costante la temperatura del corpo, non farla aumentare con una bella sudata sotto strati di vestiti e cappotti.

Ma, considerando che i bambini hanno in media 6-8 volte all’anno il raffreddore e gli adulti da 2 a 4 volte, e che la tosse accompagna spesso i sintomi quali sono i migliori rimedi per affrontarli?

In generale i lavaggi nasali e l’assunzione di liquidi caldi addolciti con il miele sono i rimedi davvero efficaci per decongestionare adulti e bambini. Il miele può essere sostituito dallo sciroppo di mais per i bambini fino a 12 mesi di età. L’aerosol non sembra un rimedio efficace a meno che non si è in presenza di broncospasmi (e in tal caso si consiglia salbutamolo eventualmente associato a cortisonico). Non sembrano realmente efficaci neanche unguenti da spalmare sul petto e i rimedi naturali come probiotici, olio di eucalipto e bava di lumaca. Il mucolitico (il classico sciroppo per intenderci) e i farmaci decongestionanti per ridurre la sensazione di naso chiuso sono consigliati soltanto per gli adulti poiché sono possibili effetti collaterali anche gravi (aritmie cardiache, insonnia, agitazione). In generale è consigliabile bere molta acqua e assumere fibre per rinforzare il sistema immunitario.

Insomma in assenza di asma e infezioni per tosse e raffreddore è sufficiente attendere un normale decorso con rimedi semplici e alla portata di tutti.

Questa breve nota sui rimedi per i mali di stagione è una sintesi tratta dall’ultimo numero di “A scuola di salute”, uno dei magazine dell’Ospedale Bambino Gesù (clicca qui), nel quale si approfondisce particolarmente il tema della tosse. Nel magazine ci viene spiegato che la tosse è un riflesso naturale ed incondizionato con il quale si tende a liberare le vie aeree che non sempre deve destare preoccupazione o essere contrastato. Se diventa persistente è però il caso di rivolgersi al medico perché potremmo essere in presenza di:

  • broncospasmi,  ovvero contrazioni delle pareti bronchiali che nelle forme lievi determina la comparsa di tosse con sibilo, in forme più gravi determina affanno respiratorio.  Tra i fattori scatenanti ha un ruolo di primo piano l’esposizione ambientale a diversi fattori quali fumo di sigaretta, allergeni domestici (acari, muffe, peli di cane o di gatto) e pollini di graminacee, parietarie e altre piante. Per ciascuno di questi fattori occorre difatti prevenire con rimedi specifici;
  • laringite, patologia respiratoria determinata da un rigonfiamento della mucosa della laringe e delle corde vocali. La tosse somiglia al verso della foca o del cane che abbaia ed è spesso associata a raucedine, pianto afono, stridore, irrequietezza con febbre non alta;
  • pertosse, si presenta con una serie di colpi di tosse ravvicinati fino a lasciare la persona senza respiro, tanto che alla fine dell’accesso questo inspira rumorosamente, con una specie di fischio (il cosiddetto “tirage”). Nel lattante si osservano anche l’apnea (il bambino rimane senza respiro) e la cianosi durante i colpi di tosse;
  • tosse psicogena, è di natura somatica, di fatto non risponde ad alcuna terapia e non ci sono cause patologiche a determinarla. Si tratta spesso di una tosse persistente nel tempo, stizzosa e che di notte scompare e che dovrà seguire terapie e cure non farmacologiche.

Il magazine (del quale in questo post avete un accenno dei contenuti) è di veloce e semplice lettura ed è strutturato come un utile vademecum consultabile on line oppure scaricabile in pdf.  Negli ultimi numeri di “A scuola di salute” (clicca qui) sono stati trattati temi quali le vitamine, l’alimentazione, la dipendenza dal gioco d’azzardo, l’adolescenza, il diabete nei bambini, tutti molto interessanti.

Oltre ai magazine il sito internet dell’Ospedale Bambino Gesù (clicca qui) mette a disposizione tantissime informazioni, consigli ed approfondimenti per le famiglie e per i genitori che amano comprendere le dinamiche della crescita dei bambini e i rischi connessi ai  comportamenti.
Il sito ospita una sezione che approfondisce le fasi di crescita fino ad un anno di età del bambino sotto il menù “il bambino” (0-30 giorni, 1-3 mesi, 4-7 mesi, 8-12 mesi) e, nella stessa sezione, ci sono pagine dedicate ai vaccini, all’alimentazione e alle allergie.

Consiglio vivamente alle mamme e ai papà di leggere i magazine dell’Ospedale Bambino Gesù e consultare il sito per risolvere dubbi e approfondire.

Smile

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti piace questo Blog? Allora parla di me in giro! :)